Come ogni struttura che si rispetti, anche il Di.M.I. ha una storia quanto mai articolata ed affonda le sue radici in una lunga tradizione di insegnamento dell’Ars Medica.

L’attuale complesso deriva dalla decisione presa nel 1903 di dotare la città di Genova di un nuovo Ospedale che sostituisse l’ormai insufficiente “Pammatone”, primo ospedale cittadino fondato nel 1422 da Bartolomeo Bosco.
La scelta cadde sull’area di San Martino e nel 1907 iniziarono i lavori che si conclusero nel 1927. Con il trasferimento dell’ospedale nella nuova area fu logico trasferire gli Istituti Clinici ad esso annessi e nacque cosi il progetto della Città Universitaria del San Martino.

I primi lavori di sbancamento per la costruzione delle Cliniche Universitarie cominciarono il 24 maggio del 1914 con la posa della prima pietra della nuova Clinica Medica, alla presenza di re Vittorio Emanuele III e della regina Elena, ed essere poi inaugurata da quest’ultima nel 1930.

Fu cosi che, come cita la lapide presente nell’Aula Magna dell’Istituto, La Clinica Medica, istituita nel 1789 come prosecuzione della lunga tradizione di Lettori di Medicina Teorica e Pratica iniziata nel 1635, fu trasferita nella nuova sede a partire dagli anni ‘30 del secolo scorso, sotto la direzione del Prof Nicola Pende.

A lui succedettero il Prof Giuseppe Sabatini, Il Prof Lorenzo Antognetti ed il Prof Aminta Fieschi, fino al 1974, quando le trasformazioni della Università Italiana, e della Facoltà di Medicina in particolare, sotta la spinta del crescente numero di iscritti, portò alla creazione di nuove Cattedre di Clinica Medica ed alla fondazione dell’ISMI: Istituto Scientifico di Medicina Interna, che proseguì le sue funzioni fino al 1991, anno di fondazione del Di.M.I.
Si sono succeduti, dalla data di fondazione, i seguenti direttori:

  • Prof. Giacomo Deferrari (dal 1991 al 1999);
  • Prof. Francesco Indiveri (dal 1999 al 2002);
  • Prof. Franco Patrone (dal 2002 al 2008);
  • Prof. Vincenzo Savarino (dal 2008 al 2015).